• Blog

    Le isole italiane senza COVID salveranno l’estate

    L’Italia ha annunciato che permetterà i viaggi internazionali nel paese che rimane aperto dopo la sua straziante esperienza della pandemia di coronavirus. Il governo ha annunciato nella tarda notte di venerdì che l’Italia permetterà i viaggi all’estero dal 3 giugno. Un decreto adottato dal gabinetto italiano ha eliminato le restrizioni di viaggio in Italia, il che significa che i residenti possono viaggiare liberamente da regione a regione.

    UNWTO Welcomes EU Support and Urges Europe to Lead the Way in Tourism's  Restart

    I passeggeri possono entrare solo se sono stati in un paese approvato negli ultimi 14 giorni e provengono solo da paesi supportati. I viaggiatori che arrivano in Svizzera da Germania, Francia, Italia, Austria, Svizzera, Paesi Bassi, Belgio, Danimarca, Lussemburgo, Norvegia, Svezia e Regno Unito, e altri paesi europei non devono temere restrizioni al loro ingresso in Italia. I passeggeri con passaporto possono entrare solo se provengono negli ultimi 14 giorni da un paese con licenza o da un altro paese dell’Unione Europea (UEE) o dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC).

    L’isola italiana della Sicilia introduce programmi per attirare i viaggiatori. L’isola stessa ha già annunciato piani per attirare i viaggiatori nelle sue attrazioni turistiche. Gli italiani si aspettano che molti turisti americani vengano in Italia entro la fine di quest’anno.

    Benvenuti nei paesi dell’UE

    Il 3 giugno, le frontiere dell’Italia si apriranno di nuovo ai turisti europei. Ancora, il paese aprirà le frontiere con Germania, Francia e Austria entro il 15 giugno. Secondo il Ministero Federale degli Affari Esteri svizzero, la Svizzera prevede di riaprire le frontiere con la vicina Italia dal 2 giugno, a meno che non ci sia un altro blocco.

    I funzionari sperano cautamente che i visitatori internazionali saranno autorizzati a visitare Mallorca e Ibiza alla fine di luglio. La festa più importante è il 15 agosto, che per la maggior parte degli italiani segna l’inizio della pausa estiva. Gli esperti del turismo italiano credono che l’Italia si aprirà ai turisti internazionali una volta che le frontiere dell’UE saranno riaperte. Mentre l’Italia cerca di salvare la stagione delle vacanze estive, anche gli arrivi internazionali vengono ridotti.

    L’idea di seguire l’esempio dell’arcipelago greco per puntare su isole senza COVID non sta ricevendo le risposte attese. È esatto che tale misura può aiutare a riattivare l’economia dell’area, ma a quale costo.

    Il presidente dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha scritto in una lettera alla Commissione Europea che “non esiste una località turistica privilegiata che possa comportarsi ha spese degli altri”.

    COVID-19 lockdown in Italy - Wikipedia

    Anche il resto d’Europa si sta adattando

    Molti sono d’accordo che le isole italiane devono essere presentate come una destinazione sicura. Altrimenti i turisti sceglieranno le Cicladi.

    Anche il sindaco di Capri, Marion Lembo, spera che le isole senza Covid possano aumentare il numero di turisti che raggiungeranno le destinazioni turistiche del Mediterraneo quest’estate. Gli abitanti d’Ischia e Procida riceveranno il vaccino durante il mese di aprile, mentre le località turistiche costiere saranno aggiunte alle campagne di vaccinazione. Anche le isole Eolie a nord della Sicilia e l’Elba sperano di partecipare alla campagna. La campagna di vaccinazione in Italia sta procedendo, con i gruppi a rischio che saranno completamente vaccinati entro un mese.

    I viaggiatori probabilmente entreranno in Italia per la prima volta dopo più di un mese o forse più a lungo. Un forte rimbalzo nei numeri dei viaggi estivi ha alimentato un aumento dei viaggi negli Stati Uniti nelle ultime settimane. I funzionari del turismo in Europa dicono che i lenti progressi sulla vaccinazione lì, insieme al nuovo aumento, probabilmente significa che gli americani non torneranno fino alla fine dell’estate. La maggior parte del mondo si sta preparando a far ripartire il viaggio, anche se non è pronta a ritirare i test e le regole di quarantena per i viaggiatori.

    C’è speranza

    Ci si aspetta che Malta elimini le restrizioni sul COVID-19 entro la fine dell’anno, il che significa che la maggior parte dei visitatori di tutto il mondo può scoprire e godersi le belle isole. I leader dell’UE vedono le vaccinazioni come un modo per riportare il turismo in Europa. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha detto che coloro che sono stati vaccinati dovrebbero avere “piena libertà”, segnalando il suo sostegno per il passaggio a un sistema di passaporto di vaccinazione.

    EU agrees to reopen borders to 14 countries, extends travel ban for US  tourists | News | DW | 30.06.2020

    Prima dell’annuncio del CDC, le Hawaii stavano lavorando al sistema del passaporto vaccinale. Il governatore Josh Green ha detto che le nuove linee guida federali sono qualcosa su cui lo stato sta indagando per fornire un’opportunità di espandere i viaggi di sicurezza ai viaggiatori vaccinati. Potrebbe essere necessario fino alla fine del 2021, forse anche di più, per vaccinare l’intera popolazione greca, salvando la stagione estiva per il turismo. Tuttavia, il piano è quello di iniziare con le piccole isole e renderle completamente vaccinate.

    Il paese includerà coloro che hanno i loro certificati di vaccinazione. Per contrastare questa tendenza, Malta offre ai turisti 220 euro per visitare l’isola quest’estate e trascorrere qualche giorno in una delle destinazioni turistiche più popolari del mondo. Il piano del passaporto vaccinale segue la decisione del Regno Unito di spingere per un passaporto vaccinale, visto come un tentativo di rilanciare il settore del turismo. Mentre il Regno Unito non farà parte del programma, il suo programma di vaccinazione potrebbe portare a un accordo di viaggio separato.

  • Blog

    Firenze offrono eccellenti attrazioni e attività turistiche

    L’aeroporto di Firenze (FLR), chiamato anche aeroporto di Peretola o Amerigo Vespucci, si trova a circa 8 chilometri (5 miglia} dal centro di Firenze. Entrare e uscire dall’aeroporto di Firenze è molto semplice, sia in treno, autobus, taxi o noleggio auto; generalmente il viaggio dura circa 15 minuti.I voli per Firenze dal Regno Unito operano a Firenze via Londra Heathrow, Manchester, Birmingham ed Edimburgo.In alternativa, voli internazionali collegano regolarmente a Firenze attraverso Milano, Torino, Firenze, Salisburgo e Verona.

    È possibile raggiungere l’aeroporto di Firenze tramite treno, pullman, auto a noleggio o metropolitana. Soggiornare all’aeroporto di Firenze può essere molto conveniente. Sono molti i treni turistici che partono per Firenze alla Stazione Termini di Venezia. Puoi prendere un treno per la stazione Pio XII di Roma, che ti darà accesso ai principali luoghi storici di Firenze. Tuttavia, il viaggio in treno è piuttosto lungo.

    Se hai più tempo, allora è bello noleggiare un’auto a Firenze. Noleggiando un’auto, avrai la libertà di esplorare l’area intorno a Firenze. Firenze ha una vasta gamma di diversi servizi di trasporto pubblico e privato per rendere il tuo viaggio più facile e confortevole. Questi includono:

    Esplora in treno

    Soggiornando all’aeroporto di Firenze, potrete facilmente raggiungere le zone turistiche del centro di Firenze prendendo un taxi. Le fermate degli autobus più vicine sono Sommai e Sarno, che sono la 2a e la 3a strada di Firenze. Da lì è possibile raggiungere le mete turistiche di Firenze come Santa Croce, la Basilica di San Miniato e il Ponte Vecchio.

    Ma se stai cercando un modo più veloce per raggiungere tutte le famose mete turistiche di Firenze, puoi optare per un treno. Firenze ha un sistema di metropolitana sotterraneo chiamato Treno che può facilmente portarti ovunque nel centro della città. In soli 15 minuti, puoi raggiungere la tua destinazione finale. Gli autobus a Firenze sono operativi tutto il giorno e possono anche portarti nelle città vicine. Uno di questi è Salvi d’Orcia che è un enorme terminal di autobus che collega Firenze a Milano. Puoi facilmente prendere un taxi dall’aeroporto di Firenze fino a questo punto e poi proseguire con il tuo viaggio.

    Un’altra ottima opzione per spostarsi a Firenze è usare un pullman. I viaggi in pullman sono molto più economici di un taxi in giro per Firenze perché possono portarti un po ‘ovunque in città compreso il centro storico. Quando fai un tour in autobus a Firenze, puoi scegliere di andare in diversi luoghi storici come il Duomo, Ponte Vecchio, Santa Maria Novella e l’Università di Firenze o concentrarti semplicemente sul mercato centrale e sulla piazza conosciuta come La Perloga.

    Esplora camminando

    Ma la parte migliore di un viaggio a Firenze è in realtà passeggiare per il centro città e vedere le parti più belle di Firenze. Il modo migliore per farlo è prendere una funivia o un autobus. Il modo più semplice sarebbe quello di noleggiare una bicicletta e guidarla per il centro città in quanto ti darà la possibilità di vedere molte parti di Firenze in un unico viaggio. Dopo aver provato a guidare la funivia o l’autobus, probabilmente vorrai tornare a Firenze per vedere la novella di Santa Maria. Una visita a Santa Maria Novella è consigliata per l’itinerario di viaggio di tutti.

    Per arrivare a Santa Maria Novella è necessario prendere un taxi dall’aeroporto di Firenze. All’uscita, svoltare a destra all’uscita dal tunnel pedonale. Firenze è servita da due diversi aeroporti internazionali: l’Aeroporto Internazionale di Firenze e l’Aeroporto di Firenze Lamberti. L’aeroporto di Firenze Lamberti è a circa 10 miglia a sud, mentre l’aeroporto internazionale di Firenze si trova a circa 40 miglia a nord.

  • Blog

    Storia del volo a Napoli e in Campania

    Eduardo Spelterini capitano, pilotň lo sferico Urania partendo da S.Lucia (Napoli) il 3 maggio con a bordo un gruppo di napoletani, che per provare l’emozione del volo, pagarono il biglietto di ascensione: Ł. 150. La partenza avvenne alle 17.30.
    Furono lanciate in onore dell’Urania due mongolfiere che seguivano la sua scia; all’improvviso queste si incendiarono turbando la gioia dei novelli aeronauti che fortunatamente non furono colpiti dai brandelli in fiamme.
    Verso le 18,30 gli aeronauti si accingevano ad atterrare a Capodimonte su un terreno coltivato, ma la protesta dei contadini non riuscě a far sbarcare l’intero equipaggio poiché coloro che trattenevano la navicella, per un comando del capitano mal interpretato, la lasciarono andare facendo raggiungere allo sferico l’altezza di tremila metri in pochi secondi.
    Grazie all’abilitŕ del capitano Spelterini, dopo un’ora l’Urania atterrň nel buio fitto della notte presso S. Marcellino nei dintorni di Aversa. Anche qui l’accoglienza non fu cordiale da parte dei contadini accorsi numerosi ed armati all’insolita visita dal cielo, ma il provvido intervento del sindaco evitň il peggio. Nelle prime ore del mattino gli aeronauti, ridiventati “modesti pedoni”, fecero ritorno a Napoli orgogliosi dell’avventura aerea vissuta.

    1900 Ascensione tragica !
    Luigi Venni, capitano, pilotň lo sferico Napoli , partendo nel pomeriggio del 15 luglio, dall’Arena della Esposizione di Igiene nella Villa Comunale, con a bordo il conte di Montecupo ed il giornalista Pellizzone.
    Lo sferico fu trasportato da una leggera brezza verso il mare aperto, non fu possibile atterrare a Capri, né sostenersi a lungo nell’aria, cosě si posň sull’ acqua alle 20,00.
    La navicella era priva di mezzi di galleggiamento e non c’erano imbarcazioni di scorta o altri mezzi di soccorso, il vento aumentava ed il mare si agitava sempre di piů, sballottando fra le onde i tre naufraghi; con le prime luci dell’alba, dopo undici ore, il conte fu tratto in salvo da una imbarcazione, gli altri due compagni di volo non furono mai trovati.

    1906 Ascensione fortunata !
    Enrico Hallecker, aeronauta napoletano, pilotň lo Sparviero partendo la mattina del 16 luglio dal piazzale del circolo sportivo di Viale Elena (Napoli): il Veloce Club; a bordo c’erano il giornalista Giulio Francesconi e la moglie. Nell’eventualitŕ che il pallone finisse in mare, le autoritŕ disposero che fossero seguiti da una torpediniera. Tagliate le gomene che lo trattenevano a terra, il pallone salě d’un tratto a circa 900 metri ed un vento impetuoso lo spinse verso il largo, ad una velocitŕ superiore a quella della torpediniera che appariva agli aeronauti sempre piu’ lontana.
    Il pilota riuscě a tenere il pallone in aria per due ore, ma quando la zavorra fu esaurita, scese in mare. I tre aeronauti lottarono per oltre mezz’ora contro la furia del mare, quando finalmente giunse la torpediniera che li trasse in salvo.

    1926 Prima trasvolata polare artica !
    Umberto Nobile, partě il 10 Aprile da Roma ed effettuň la prima trasvolata polare artica (13.000 km, 176 ore di navigazione) atterrando a Nome in Alaska. L’aeronave scelta per la spedizione era la N-1, appartenente alla flotta aerea italiana, ribattezzata per l’occasione NORGE; fu preparata in modo tale che, nel caso ce ne fosse stata necessitŕ, poteva restare in aria per un intero mese, dunque molti particolari di conforto furono smontati. L’Aeroclub di Norvegia si prese carico di buona parte del finanziamento della missione, il Governo italiano contribuě per un terzo ed il sig. Lincoln Ellsworth per un sesto. L’impresa fu oggetto di critiche da parte dei circoli aeronautici italiani e stranieri per le piccole dimensioni dell’aeronave e per la sua limitata autonomia.
    La veritŕ era che né la nave era troppo piccola né l’equipaggio inadeguato, …”se volevamo riuscire dovevamo affrontare le condizioni con quello spirito che nasce nell’uomo quando deve prendere la ferma decisione di vincere o perire” (Umberto Nobile).

  • Blog

    BREVE STORIA DELLA MIR

    Nel 1903 l’insegnante scolastico russo Konstantin Tsiolkovsky scrisse ‘Dietro il Pianeta Terra’, un lavoro di finzione basato su ciň che aveva sentito nei riguardi della scienza. In quest’opera egli raccontň riguardo stazioni orbitanti nelle quali gli uomini avrebbero imparato a vivere nello spazio. Egli credeva che queste stazioni ci avrebbero permesso di colonizzare lo spazio e compiere missioni sulla Luna, Marte e gli asteroidi.
    Kostantin continuň a scrivere di futuribili viaggi nello spazio a bordo di razzi fino alla sua morte nel 1935 e questa sua passione spronň frotte di ricercatori spaziali russi dell’epoca e postumi alla ricerca della conquista dello spazio.
    Gli ingegneri spaziali russi iniziarono a lavorare su grossi missili intorno agli anni trenta.
    Nel Maggio 1955 iniziarono i lavori nella base di lancio di Baikonur , nell’Asia centrale.
    Nell’agosto 1957 il primo missile intercontinentale balistico prese il volo dall’omonima base in un test di prova, e ad esso seguě il lancio dello Sputnik 1 , il primo satellite artificiale del mondo ( 4 ottobre 1957 ) .
    Il 12 aprile 1961 Yuri Gagarin fu lanciato a bordo della capsula Vostok 1 e divenne il primo uomo nello spazio.

    Un anno dopo gli ingegneri russi descrissero in dettaglio la possibilitŕ di costruire una stazione spaziale orbirante formata da moduli lanciati separatamente ed uniti assieme fuori dall’atmosfera … un quarto di secolo piů tardi nel 1987 questo concetto divenne realtŕ quando il modulo Kvant fu unito al Mir Core; nasceva cosě la stazione orbitale Mir.
    Questa realizzazione deve anche rendere grazie ad una serie di stazioni antecedenti formate da un unico modulo che hanno reso possibile lo sviluppo di tecnologie in grado di permettere la costruzione di un complesso orbitante piů vasto: si tratta delle stazioni del tipo Salyut, in totale 7 moduli lanciati in successione dal 1971 al 1982 quando l’ultima versione , la Salyut 7 prese quota a bordo di un razzo dalla base di Baykonur; in particolare questo modello era molto simile al Core, il blocco base della Mir, fatta eccezione nell’assenza del nodo di trasferimento ( del quale si parlerŕ poi ) ed altre modifiche di entitŕ minore.

    In alto il lancio del Proton che portň in orbita il
    Core della Mir

    La Mir č stata la piů grande e duratura stazione spaziale mai costruita.
    Nata come stazione strettamente russa, nel corso degli anni divenne base perfetta per una cooperazione internazionale nell’esplorazione spaziale ( e non solo ), specialmente nel corso degli agganci avvenuti con lo Space Shuttle.

    L’unione sovietica iniziň ad assemblare la Mir negli anni della corsa allo spazio volendo conquistare un ruolo di primo piano nella lotta psicologica che la vedeva in competizione diretta con gli Stati Uniti.
    Il primo modulo fu lanciato nel 1986 ed i sovietici prevedevano di mantenere il complesso attivo per un ciclo di 5 anni quando magari sarebbe stato rimpiazzato, ma il clima internazionale che vide nel 1991 il collasso dell’Unione Sovietica, con le relative ripercussioni sull’industria spaziale russa portň come risultato la cancellazione del progetto di una nuova unitŕ in favore dell’estensione della vita utile della Mir.

    La prima parte della Mir a raggiungere lo spazio fu il Core ( inizialmente nominato solamente Mir ).
    Il Core era dotato di due portelli d’estremitŕ , uno dei quali fa congiunto l’anno successivo dal modulo Kvant-1, dotato anch’esso di supporti vitali e laboratori, nonché di due boccaporti, uno agganciato con il Core, l’altro poi unito ad una navicella Progress.

  • Blog

    OSSERVAZIONE DELLA MIR

    Durante il periodo in cui la Mir rimase in orbita era possibile osservarla ad occhio nudo nel cielo notturno a periodi alterni durante l’anno.
    La sua presenza nei cieli scuri e limpidi poteva essere confusa con quella di una stella, con la sola differenza che quel puntino luminoso viaggiava a forte velocitŕ per parte dell’arco celeste e poteva rimanere in vista da una manciata di secondi a non piů di pochi minuti .
    Questo spettacolo poteva essere osservato a latitudini comprese fra piů e meno 52 gradi rispetto l’equatore, proprio in seno al fatto che la Mir compiva tragitti alternati fra quei due punti massimi non proseguendo oltre.
    In media poteva essere vista a coppie di settimane nei cieli notturni , mentre negli altri periodi il suo passaggio era rilegato alle ore diurne in cui la luce del sole ne impediva la sua osservazione.
    La visione ad occhio nudo era poi rilegata alle ore di poco successive al tramonto del sole come di poco antecedenti al suo sorgere, talvolta era possibile vederla anche a notte inoltrata con l’ausilio di un telescopio per poterla scorgere anche quando il sole non ne esaltava il profilo.
    In genere quando i pannelli solari erano illuminati dalla luce solare e rivolti verso la zona di osservazione si potevano raggiungere valori di magnietudo -3, ma piů generalmente la luminositŕ toccava magnetudo -1 quando tutto il complesso dei moduli era illuminato dalla luce solare e la rifletteva a terra (pannelli solari esclusi ).
    Da osservazioni via telescopio spesso la sagoma assumeva riflessi giallo-bronzo e se utilizzate apparecchiature medie o superiori poteva essere scorta con facilitŕ l’intera sagoma della stazione, qualche volta con agganciato lo Shuttle.
    Nel corso della vita della Mir molti rifiuti sono stati lanciati verso il pianeta ( come a volte erano caricati a bordo della Progress ), e per la loro osservazione durante il rientro nell’atmosfera era necessaria una buona fortuna, nonché un cielo limpido e nero, come a volte la necessitŕ di cannocchiali.
    Occasionalmente nelle vicinanze della Mir sono state osservati diversi corpi minori ; erano navicelle sganciate durante differenti esperimenti dalla stessa Mir.
    Ad esempio nel 1996 la germano-russa GFZ-1 fu sganciata da uno dei portelloni della Mir : si trattava di un piccolo satellite del diametro di 21 cm ed una massa di 20 Kg utilizzato per studi orbitali geodetici, il quale era costellato di riflettori laser .
    Molte persone dotate anche di semplici binocoli lo hanno osservato nella vicinanza della Mir.
    Durante un altro esperimento , risalente al 4 Febbraio 1993, una navicella Progress M sganciň il riflettore solare Znamya ( 86017GZ ) ; questa prova prevedeva lo studio della forza che si sarebbe potuta osservare durante la riflessione solare ( navigazione solare ), come il calcolo del grado di energia solare che poteva essere riflessa a terra dalla stessa vela.
    Il raggio riflesso su una porzione del territorio russo apparve brillante come quello della luna piena mentre la Znamya da terra fu vista dotata di una magnitudo pari a –5.
    La pressione solare causň in un paio di giorni la spinta del riflettore nell’atmosfera.
    Alcune volte dei corpi abbastanza luminosi sono stati osservati in scia alla Mir, si trattava delle navicelle Progress M o Soyuz TM o magari dello stesso Shuttle che stavano rincorrendo la stazione per un attracco o si erano da poco sganciati dalla stessa.